Masters * Anton Corbijn

a cura di Anna Lisa Di Mezza

n1-iif0GsZQ
Sam Riley is Ian Curtis in Control movie, directed by Anton Corbijn, 2007

translator on the right side
traductor en el lado derecho
traducteur à droite

Lui sgrana le foto, ma queste rendono ogni millimetro quadrato di pelle, espressione, comunicando in maniera intensissima. Usa ancora la pellicola, detesta le luci artificiali e quando dirige un concerto musicale (vedi Depeche Mode per tutti) lo fa alla vecchia maniera, senza troppa tecnologia intorno. Anton Corbijn, classe ’55, olandese, fotografo, regista, scenografo, graphic designer: Artista.

9A457721-065C-4EF5-83E1-CCFEDCCDD6F5
Joy Division at the Lancaster Subway Station, London, by Anton Corbijn, 1979

Corbijn non ha bisogno di presentazioni, mi dico. Ognuno di noi, a prescindere dalla generazione di appartenenza, si è imbattuto in un suo lavoro artistico almeno una volta nella vita. Magari senza saperlo, ma lo ha fatto, di questo sono certa. Inizia a scattare le sue prime fotografie, con una macchina presa al padre, ad un concerto dei Solution, mosso da quella passione/adorazione per la musica che ancora oggi lo contraddistingue. Corbijn è attivo già dagli inizi degli anni ’70, poi decide di trasferirsi a Londra, cuore pulsante della creatività musicale in pieno movimento post-punk oppure, per dirla a parole sue: “I moved from Holland to England in ’79 because of Joy Division”.

Anton Corbijn, Nick Cave, London, 1996
Anton Corbijn, Nick Cave, London, 1996
Anton Corbijn, Nirvana, Seattle, 1993
Anton Corbijn, Nirvana, Seattle, 1993

La sua carriera, straordinaria, è inarrestabile. Costellata di esperienze, incontri, progetti, e, chi come me, ama musica ed arte in egual misura, è portato a sospirare: “Quanto invidio il genio artistico di quest’uomo…”. Perchè? Perché Corbijn ha fotografato Nick Cave, i Joy Division, Tom Waits, Björk, i Kraftwerk, David Bowie. Ha collaborato con il New Musical Express, storica rivista musicale britannica fondata nel 1949, pubblicato su Vogue e Rolling Stone. Ha diretto Philip Seymour Hoffman nella sua ultima, magistrale interpretazione.

Anton Corbijn, Jeff Buckley, Woodstock, 1994
Anton Corbijn, Jeff Buckley, Woodstock, 1994

Ha curato la grafica di centinaia di copertine di dischi (cercate qualche esempio tra le foto di questo articolo!), esposto i suoi lavori in numerose mostre e gallerie in giro per il mondo, facendo il pienone (vedi, qualche anno fa, le code per godere della maestosa retrospettiva che la C/O di Berlino gli ha dedicato). Ma non è tutto. Corbijn ha stretto sodalizi d’amore con Depeche Mode e U2, aiutandoli si-gni-fi-ca-ti-va-ment-te a mettere a fuoco le loro identità.

u2-the-unforgettable-fire-anton-corbijn
U2, The unforgettable fire by Anton Corbijn, 1984
U2 for The Joshua Tree album, Anton Corbijn
U2 for The Joshua Tree album, Anton Corbijn

Ha diretto con grazia e sentimento il film culto Control, incentrato sulla tormentata vita personale e musicale di Ian Curtis, voce indimenticata dei Joy Division. Ancora, Corbijn ha girato decine e decine (e decine) di videoclip: parla di Kurt Cobain come della persona più dolce mai incontrata: avete presente il pluripremiato video di Heart Shaped Box dei Nirvana? Opera di Corbijn.

Noi di The Passenger Times lo amiamo. Voi?

© Stephan Vanfleteren
Anton Corbijn by ©Stephan Vanfleteren

Follow The Passenger Times on facebook ∞ instagram ∞ twitter

Annunci

leave a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...