Fotografia / Photography * Michael Kenna 2018

a cura di Nicoletta Lolli

Recent works

Michael Kenna on The Passenger Times recent works 2018 03
Hidden Figure, Cimitero Monumentale, Milan, Italy. 2008 ©Michael Kenna

cliccare sulle immagini per ingrandire

translator on the right side
traductor en el lado derecho
traducteur à droite

Michael Kenna è nato nel 1953 a Widnes nel Lancashire in Inghilterra, in una famiglia numerosa e molto religiosa, fattori che lo hanno fortemente condizionato nella sua carriera di fotografo:

“Ci sono stati molti aspetti dell’educazione religiosa che credo abbiano fortemente influenzato il mio lavoro nella fotografia, come la disciplina, il silenzio, la meditazione e l’idea che anche dove le cose possono essere invisibili, può esserci comunque una presenza”.

All’età 11 anni, infatti, decide di entrare in monastero per diventare prete, ma non è la sua strada.  Tenta la via della pittura iscrivendosi alla Scuola d’Arte Banbury nell’Oxfordshire, disgustato dall’ambiente di quegli anni, dedito al favoritismo e indifferente al merito, trova  nella fotografia la via d’uscita perfetta. Studia e produce ogni tecnica fotografica immaginabile, prima a Londra, poi in California, dove collabora con la fotografa Ruth Bernard.

“Ho imparato a conoscere il foto giornalismo, la fotografia di moda, la fotografia sportiva, la natura morta, la fotografia di architettura. Quando mi sono laureato, avevo tutti i mezzi per sopravvivere nel mondo competitivo della fotografia”.

Matura uno stile personale dal carattere meditativo, disegnato dal contrasto del bianco e nero, appoggiato su tempi di espisizione lunghissimi, che ci portano a visioni realitiche e surreali allo stesso tempo.  Riconosciamo luoghi e paesaggi, gli occhi si fermano su orizzonti conosciuti, eppure l’atmosfera è lunare e immaginaria, dalla linearità disarmante, lieve come un fiocco di neve che volteggia nel nostro sguardo.  Ogni immagine è un viaggio nel tempo, camminiamo in un percorso meditativo e visivo da cui dobbiamo risvegliarci riprendendo contatto con il corpo e con la mente, ritrovando lo spazio da cui ci siamo momentaneamente staccati, vincendo la tentazione di tornare là, dove l’arte di Michael Kenna non smette di incantarci e rapirci.
(Nicoletta Lolli)

altri post relativi a Michael Kenna su The Passenger Times

Segui The Passenger Times su facebook ∞ instagram ∞ twitter

 

Annunci

leave a comment / lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.